NEWS > 29 febbraio 2024

Ideas to innovation: i macchinari per il make-up a cura di Deanna Utroske

Le macchine trasformano gli ingredienti in prodotti. Riempiono e chiudono l'imballaggio, applicano etichette, imballano bottiglie, barattoli e tubi e pallettizzano il prodotto accuratamente confezionato per il trasporto. Le macchine salvaguardano la purezza del prodotto, eseguono controlli di qualità e valutano l'integrità del prodotto. Riducono i costi e aumentano la produzione. Le macchine migliorano l'efficienza, l'accuratezza e la scalabilità della produzione. Senza macchinari sofisticati, l'industria cosmetica come la conosciamo semplicemente non sarebbe possibile.

E quando i produttori cercano i macchinari di laboratorio e produzione migliori e innovativi, in loro aiuto ecco Cosmopack. La fiera dedicata alla supply chain, in concomitanza con Cosmoprof Worldwide Bologna, è una destinazione per chiunque cerchi di scoprire tutte le novità per i comparti degli ingredienti e della materie prime, della produzione conto terzi, di soluzioni di etichettatura, pennelli e applicatori, imballaggio primario e secondario, accessori, ecc. Ma in questo articolo vogliamo dedicarci in particolare al machinery!

 

image 2 Ideas to innovation: i macchinari per il make-up a cura di Deanna Utroske

UN'ANTEPRIMA DEI MACCHINARI IN MOSTRA A COSMOPACK 2024

Per avere un'idea di ciò che possiamo vedere tutti a Cosmopack quest'anno, ho contattato alcuni espositori per farmi raccontare le caratteristiche dei macchinari che progettano, costruiscono e gestiscono. I leader di DMC srls, Marchesini Group Beauty e PMR SYSTEM GROUP SRL mi hanno anticipato che presenteranno una serie di soluzioni innovative.

Denis Mancarella, proprietario di DMC, e il suo team mostreranno "tutta la gamma di macchine [DMC]", che include omogeneizzatori, macchine per imbustamento, macchine di riempimento e chiusura, nonché macchine per l'etichettatura automatiche e semiautomatiche. Le "linee di riempimento e gli omogeneizzatori sono le più richieste dai produttori cosmetici", dice Mancarella, che ha fondato la sua azienda con sede a Chioggia nel 2016.

Marchesini Group Beauty presenterà ciò che l'azienda descrive come "macchine e linee all'avanguardia per l'imballaggio di prodotti cosmetici", comprese "non solo soluzioni flessibili stand-alone su misura per le esigenze del mercato, ma anche linee che possono essere personalizzate per specifiche necessità e tecnologie rivoluzionarie che rispondono perfettamente alle ultime tendenze”. A Cosmopack esporranno con circa 20 macchine.

Un esempio della tecnologia rivoluzionaria che Marchesini Group Beauty presenterà a Cosmopack "è la macchina per rossetti con il sistema innovativo a-eye lipstick di SEA Vision: il sistema di controllo qualità del rossetto a 360°, che ha recentemente vinto i Cosmoprof Asia Awards, è il primo sistema al mondo per il controllo qualità automatico dei rossetti in produzione, basato sulla tecnologia AI, che automatizza il processo di ispezione qualitativa precedentemente affidato principalmente al controllo umano manuale".

Omar Flavio Rubino, CEO di PMR SYSTEM GROUP, ha condiviso questo elenco dettagliato delle proposte della sua azienda, notando che il team sta portando macchine "per esemplificare la vasta gamma offerta da PMR".

  • La linea di riempimento e chiusura per sostanze liquide, dense e semidense dotata di 2 ugelli dosatori e un tappatore totalmente brushless.
  • Il nuovo tappatore a rullo TTR, che produce oltre 5.000 pezzi all'ora. Il sistema di chiusura è costituito da una doppia coppia di dischi gommati, azionati da motore brushless, che consente di impostare la velocità di rotazione e il sistema di chiusura. I principali dati di ogni formato possono essere memorizzati in procedure recuperabili dall'operatore direttamente dal touch-screen, presente sulla macchina. Questa nuova soluzione è anche modulare e può quindi essere perfettamente integrata in una linea esistente o abbinata ai sistemi di riempimento e etichettatura di PMR.
  • Le linee di etichettatura M3005 e M3010 sono sempre state il fiore all'occhiello della produzione di PMR. In particolare, la macchina industriale di etichettatura M3010 è l'eccellenza assoluta nei sistemi di etichettatura per cosmetici: consente l'applicazione di 2 etichette contemporaneamente, producendo oltre 3.500 pezzi all'ora. La linea, dotata di alcuni accessori, è un eccellente sistema per etichettare contenitori di diverse forme e dimensioni e consente la memorizzazione fino a 100 cambi formato. È un sistema user-friendly, controllato da pannello touch-screen e può essere dotato di sistemi di sovrastampa per lotti, data di scadenza e codici a barre.
  • Diversi sistemi di contatori che consentono il riempimento, la chiusura e l'etichettatura in modo semiautomatico; ideali per chi si avvicina alla produzione di cosmetici, offrono una buona produttività, facilità d'uso e un ingombro ridotto.

SERVIZIO POST-VENDITA E SOLUZIONI TECNOLOGICHE AVANZATE

Nel settore delle macchine, la vendita è solo l'inizio del rapporto fornitore-cliente. Come mi racconta Denis Mancarella, "il cliente apprezza il fatto di avere un unico referente come fornitore che possa consigliarlo, supportarlo e seguirlo passo a passo. DMC produce tutto, seguendo precisamente questa filosofia. Puoi acquistare le macchine ovunque", dice, "ma è il servizio post-vendita che fa la differenza." E Mancarella è fiducioso che "DMC sia il migliore nel supporto al cliente, in qualsiasi momento, h24 e 7 giorni su 7. Rispondiamo sempre."

Il supporto post-vendita di DMC include un servizio tecnico specializzato, manutenzione programmata delle macchine e persino su macchine di altri produttori. Inoltre, l'azienda (su richiesta) può produrre macchine con la 'tecnologia 4.0'. La tecnologia 4.0 può fare riferimento a qualsiasi integrazione di tecnologie digitali intelligenti nella produzione o in altri processi industriali. Nel caso di DMC, l'azienda sta integrando strumenti di accesso remoto nelle sue macchine, consentendo "assistenza online per garantire maggiore sicurezza e attrattiva tecnologica. Il concetto è che dal nostro ufficio e in qualsiasi momento, possiamo connetterci e fornire supporto, ovunque si trovino le macchine nel mondo", spiega Mancarella.

PMR offre una soluzione simile orientata alle piattaforme digitali. "Abbracciando il concetto di Smart Factory", il CEO Omar Flavio Rubino, mi dice che "PMR si impegna per la realizzazione di applicazioni che consentano alle nostre piattaforme di dialogare attraverso sistemi informatici, per la decentralizzazione e la collaborazione tra strutture operative." Come spiega, "le piattaforme sono dotate di PLC, assistenza remota, hardware e software che consentono di dialogare a distanza con la macchina e di avere a disposizione diverse informazioni; è inoltre possibile integrare i dati della piattaforma con il CRM interno."

E Rubino vede il servizio come uno dei molti vantaggi del design e della produzione interna delle macchine: "Nel complesso, il design interno e la produzione di macchinari rappresentano un significativo valore aggiunto per i clienti, come garanzia di personalizzazione, qualità, reattività, assistenza post-vendita e continua innovazione", dice Rubino. Il servizio post-vendita ai clienti è più completo e tempestivo grazie alla conoscenza e alla produzione aziendale, mi dice, notando che "possiamo offrire assistenza tecnica specializzata, pezzi di ricambio e servizi di manutenzione personalizzati per garantire il funzionamento ottimale delle macchine nel tempo."

Oltre al tradizionale servizio post-vendita, Marchesini Group Beauty offre anche una linea di macchinari ricondizionati - nota come Rinova - sia per i clienti farmaceutici che cosmetici. "Il Gruppo Marchesini sta investendo per rispondere ai paradigmi dell'economia circolare", dice Pietro Cassani, CEO del Gruppo Marchesini (Marchesini Group Beauty è una divisione del Gruppo più ampio, che festeggia 50 anni di attività nel 2024).

"L'azienda ha creato Rinova per dare nuova vita a macchine nate dalle linee originali e usate del Gruppo Marchesini ", spiega Cassani. "Attraverso un processo di ricondizionamento, il Gruppo può fornire ai clienti una soluzione più vantaggiosa dal punto di vista economico e ambientale, garantendo al contempo le stesse specifiche di qualità e affidabilità".

img preview

PARTNERSHIP, ACQUISIZIONI E ESPANSIONE

Per i produttori di macchinari, i partner di attrezzature e tecnologia possono essere un vero valore aggiunto e migliorare il modo in cui sono in grado di supportare i loro clienti.

Ad esempio, "oltre alle macchine del Gruppo Marchesini, la divisione cosmetica include soluzioni di marchi italiani proprietari che si sono uniti al Gruppo nel corso degli anni: Axomatic, che produce macchine di processo e riempitrici; Cosmatic, specializzata in tecnologie per la produzione di rossetti e balsami labbra; le aziende bolognesi Dumek, riconosciute per le soluzioni di processo, e V2 engineering, che produce una vasta gamma di proposte di imballaggio secondario. Infine, la divisione offre le proposte di Rejves Machinery Srl, un marchio specializzato nella costruzione di riempitrici e tappatrici, e Vibrotech, un'azienda toscana che produce sistemi di alimentazione e orientamento utilizzati nei processi industriali automatizzati", secondo Cassani.

L'azienda ha anche lavorato a stretto contatto con SEA Vision (esperti in sistemi di vision, tracciabilità e intelligence aziendale) su quel sistema di ispezione dei rossetti supportato dall'IA menzionato in precedenza in questo articolo. Il sistema a-eye lipstick "è stato sviluppato per affrontare un problema: la grande varietà di caratteristiche che distinguono i rossetti (colori, finiture, forme, formulazioni e combinazioni) rende complicato il processo di ispezione dal punto di vista dei sistemi tradizionali a visione artificiale." La soluzione di SEA Vision sfrutta un algoritmo di IA proprietario, utilizzando "tecnologie neurali, pre-neurali e non neurali innovative per raggiungere l'ideale equilibrio tra qualità ed efficienza di ispezione durante il processo produttivo." La tecnologia a-eye non influisce negativamente sui tempi di produzione del prodotto e, secondo i materiali condivisi con me dal Gruppo Marchesini Beauty, "rappresenta un significativo progresso, garantendo una precisione senza precedenti nella valutazione della qualità di questi prodotti durante l'intero processo produttivo."

Il CEO di PMR, Omar Flavio Rubino, mi ha fatto notare la tecnologia del sistema di visione utilizzato dalla sua azienda, definendola "un'innovazione cruciale nel controllo qualità e nell'automazione industriale. Funziona utilizzando telecamere avanzate e sensori per catturare immagini/dati visivi e processarli attraverso algoritmi per rilevare e analizzare dettagli specifici".

"Nell'etichettatura," spiega Rubino, "la tecnologia del sistema di visione viene utilizzata per diverse funzioni:

  • Controllo dell'allineamento: La visione artificiale può essere utilizzata per verificare che le etichette siano posizionate e allineate correttamente sui prodotti. Questo aiuta a garantire un aspetto estetico uniforme e professionale.
  • Controllo della qualità di stampa: Telecamere ad alta risoluzione possono controllare la qualità della stampa delle etichette, rilevando difetti come sbavature, macchie o distorsioni di testo e immagini.
  • Verifica dei codici a barre: I sistemi di visione possono leggere e verificare i codici a barre o i codici QR sulle etichette per assicurarsi che siano stampati correttamente e siano leggibili dai dispositivi di scansione.
  • Rilevamento di etichette mancanti o danneggiate: La tecnologia di visione può individuare etichette mancanti o danneggiate sull'imballaggio, consentendo un'azione immediata per evitare errori di imballaggio.
  • Classificazione e selezione: In ambienti di produzione ad alta velocità, i sistemi di visione possono classificare i prodotti in base alle caratteristiche dell'etichetta, come colore, forma o dimensione, facilitando il processo di selezione e smistamento automatico.

"Nel complesso," aggiunge Rubino, "l'uso della tecnologia dei sistemi di visione nell'etichettatura non solo migliora l'accuratezza e l'efficienza del processo, ma contribuisce anche a garantire la conformità normativa e la soddisfazione del cliente attraverso la fornitura di prodotti di alta qualità e ben presentati."

img 5

PIÙ DI UNO SHOWROOM TEMPORANEO PER MACCHINARI COSMETICI

I produttori di macchinari che ho avuto l'opportunità di intervistare per questo articolo mi hanno tutti detto che "partecipare a Cosmopack è essenziale" (Pietro Cassani, CEO Marchesini Group), che è un'opportunità per "portare il meglio di sé e mostrare di cosa si è capaci, dando sicurezza e certezza all'acquirente" (Denis Mancarella, Proprietario DMC), che "le fiere ci permettono di aumentare la visibilità del nostro marchio e promuovere le nostre soluzioni a un pubblico qualificato di professionisti del settore e potenziali clienti" (Omar Flavio Rubino, CEO PMR).

Ma Cosmopack è più di questo: come sottolinea anche Rubino, le fiere sono un ottimo luogo per apprendere dai clienti attuali e in generale dal mercato. "Le fiere", afferma, "ci offrono uno spazio ideale per raccogliere feedback e opinioni dirette da parte dei clienti e degli operatori del settore. Questi feedback possono essere preziosi per migliorare i prodotti esistenti, identificare nuove opportunità di mercato e adattare la strategia aziendale alle esigenze del pubblico."

E le fiere come Cosmopack, che supportano fornitori e partecipanti provenienti da tutto il mondo, creano l'opportunità per le aziende "di esplorare nuovi mercati geografici e valutare opportunità di espansione internazionale", aggiunge Rubino.

img 6

IL RUOLO DEI MACCHINARI NELL'ESPANSIONE DELL'INDUSTRIA COSMETICA A LIVELLO INTERNAZIONALE

Come osservatore dell'industria cosmetica sono sempre attenta alle tendenze e alle attività nei vari settori. E nel corso degli anni, la nostra industria si è impegnata con paesi di tutto il continente africano in modi sempre più significativi.

Questo è vero per alcune delle più grandi multinazionali del nostro settore. Oltre 20 anni fa, il Gruppo L'Oréal ha lanciato l'iniziativa African Hair & Skin Research Grant, finanziando il lavoro di scienziati sul continente. E nel 2013, il brand ha ampliato in modo significativo la propria presenza commerciale e produttiva in Africa acquisendo Interconsumer Products, un importante produttore con sede in Kenya. Come parte di questo accordo, L'Oréal ha acquisito anche il marchio Nice & Lovely e capacità produttiva a Nairobi. Alcuni anni dopo, la società ha aperto un "Centro di Ricerca e Innovazione [a Johannesburg, in Sudafrica] per studiare le specificità dei capelli e della pelle africani, così come le routine di bellezza e le aspettative dei consumatori dell'Africa sub-sahariana", come riportato in una notizia finanziaria di L'Oréal.

Ingredienti come il burro di karité (proveniente dai paesi dell'Africa occidentale) e l'olio di argan (proveniente dai paesi del Nord Africa) sono diventati molto popolari nel più ampio mercato della bellezza. In un articolo scritto alla fine dell'anno scorso, Kauthar Jakoet, analista di ricerca di Euromonitor International, evidenzia le opportunità che i produttori hanno nell'utilizzare ingredienti provenienti dal continente per soddisfare la domanda dei consumatori: "Ci sono ingredienti locali e tradizionali e regimi di bellezza che rimangono importanti nella regione, i prodotti che li abbracciano avranno un vantaggio su altri che non lo fanno", scrive, facendo riferimento a Kui Care, "un marchio emergente keniota che si concentra fortemente sulla formulazione di prodotti specifici per i capelli africani. Una priorità chiave del marchio è l'utilizzo di ingredienti naturali come l'olio di albero del tè e la cannella, mentre allo stesso tempo celebra la cultura e l'eredità africana attraverso il brand e il packaging."

Anche per innumerevoli marchi di bellezza indie negli Stati Uniti e in Europa, l'eredità africana, la routine tradizionale e gli ingredienti sono fondamentali. Il marchio di skincare di lusso Epara, fondato da Ozohu Adoh nel 2015, ne è un buon esempio. Il brand ha sede a Bracknell, in Inghilterra (a sud-ovest di Londra). "Epara, che significa 'avvolgersi in sé stessi' nel dialetto nigeriano di Ebira, è un marchio di skincare inclusivo che utilizza i migliori ingredienti biologici provenienti dai ricchi suoli dell'Africa per prodotti che nutrono e proteggono", secondo una breve descrizione del marchio sul profilo LinkedIn di Adoh.

Karité Shea Butter, con sede a New York, è un altro esempio di brand che produce prodotti per le mani, il corpo e le labbra formulati con burro di karité proveniente da partnership con cooperative agricole gestite da donne in Ghana.

Per quanto riguarda il settore dei macchinari, Denis Mancarella ha "fondato DENIS MANCARELLA AFRICA" più di 5 anni fa. Gli uffici dell'azienda si trovano a Rabat, in Marocco, e sono "dedicati appositamente ai paesi africani per facilitare gli acquisti, la spedizione e i pagamenti". Il fatto che un'azienda come DMC abbia una presenza sul continente è solo un’ulteriore evidenza del sostegno che l'industria nel suo complesso all'economia in crescita dell'Africa.

img 7

VIENI A SCOPRIRE DI PIU’

Senza dubbio, le macchine supportano l'intera industria della bellezza, rendendo possibile il progresso e facilitando la scoperta di nuove formulazioni, la produzione, il riempimento e l'incarto, l'etichettatura e molti altri processi.

Che tu sia nel mercato delle macchine da laboratorio, del macchinario di produzione su larga scala o semplicemente curioso di sapere cosa queste tecnologie possano rivelare sul futuro della bellezza, non perdere Cosmopack (dal 21 al 23 marzo). Ci vediamo a Bologna!

Autore: Deanna Utroske
In collaborazione con: 

Beauty Insight Logo

 

 ACQUISTA IL TUO BIGLIETTO PER COSMOPROF


Share article:

Rimani aggiornato sulle ultime novità!

Un evento di
In collaborazione con
Con il supporto di
Certificato da

COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA - Made by BolognaFiere Cosmoprof S.p.a. - Registered office: Via Maserati 16, 40128 Bologna (Italy) - R.E.A. 1766978
© 2024 All rights reserved - BolognaFiere Cosmoprof - Privacy Policy - Cookie Policy - TERMINI D'UTILIZZO
Segnalazioni - Modello ex D.LGS 231/2001 e Codice Etico

Designed with by ArchiMedia host: 172.31.40.82 - you: 3.233.242.67

Seguici
Caricamento in corso...